You are currently browsing the tag archive for the ‘Castellammare di Stabia’ tag.

“IL SECCHIONE” della Scuola Media Statale Giacinto Diano di Pozzuoli vince la IV Edizione del Concorso Internazionale di Cortometraggi “Corto in Stabia”.

Vengono da Campania, Marche, Sicilia, Piemonte, Umbria, Basilicata, Calabria, Lombardia e Spagna i vincitori della quarta edizione di “Corto in Stabia”: la rassegna internazionale di cortometraggi, che dal 22 aprile, per quattro giorni, ha trasformato Castellammare di Stabia in una cittadella delle produzioni cinematografiche scolastiche.

Circa cinquemila le presenze riscontrate durante la quattro giorni di proiezioni, workshop cinematografici, musica, spettacolo, mostre fotografiche e d’arte.

Ben 12 i riconoscimenti assegnati da un’attenta giuria di esperti affiancata da una giuria ragazzi.

Miglior cortometraggio in assoluto “IL SECCHIONE” realizzato dagli allievi della Scuola media Statale Giacinto Diano di Pozzuoli, che si sono accaparrati anche il premio della terza sezione del concorso.

 

 

ELENCO COMPLETO DEI PREMIATI

 

 

 

Vincitore del Concorso “Corto in Stabia” IV Edizione 2009

 

IL SECCHIONE – Scuola Media Statale “Giacinto Diano” – Pozzuoli (NA)

 

Premio Prima Sezione “La Tecnologia”

 

1616 – Istituto Comprensivo “Belfiore” – Foligno (PG)

 

Premio Seconda Sezione

 

LO ZAINO – Istituto Comprensivo “Tommaso Aiello” – Bagheria (PA)

 

Premio Terza Sezione

 

IL SECCHIONE – Scuola Media Statale “Giacinto Diano” – Pozzuoli (NA)

 

Premio Quarta Sezione

 

(EN)TERRADOS/ (SOTTERRATI) SUI TETTI – Facultat de Comunicaziò Balnquerna – Universitat Ramon Llull – Barcelona (SPAGNA)

 

Premio Miglior Sceneggiatura

 

LE OMBRE DELLA VERITA’ – Liceo Scientifico “E.Segrè” di Marano (NA)

 

Premio Miglior Montaggio

 

DOWN LOAD – ITIS “Enrico Fermi” – Frascati (RM)

 

Premio Miglior Interpretazione

 

SCHERZI DEL DESTINO – ITIS “Biagio Pascal” – Romentino (NO)

 

Premio Miglior Colonna Sonora

 

VITE PARALLELE – ITIS “Galileo Ferraris” – Caserta

 

Premio Giuria Ragazzi

 

SOLO FISSO – Istituto Comprensivo Statale di Casperia (RI)

 

Premio Miglio Regia

 

COM’E’ PICCOLO IL MONDO – Istituto Magistrale Stigliani – Matera

 

Premio della Critica

 

IL PRANZO DELLA DOMENICA – Liceo Classico “Maurolico” – Messina

 

Annunci

Grande successo ieri per la serata musicale della IV Edizione di “Corto in Stabia“, il concorso internazionale di cortometraggi che si sta svolgendo in questi giorni al Cineteatro Montil di Castellammare. Centinaia di giovani e stuoli di ragazzine palpitanti attendevano, già dalle 19.00, l’inizio del concerto-evento di Tony Amodio, che ha chiuso qui il suo Tour italiano includendo, oltre ai 13 brani del nuovo disco “II ME”, cover del caro, vecchio, pop – rock anni ’80, che hanno fatto andare in visibilio il pubblico.

Ospiti della serata il Vincenzo Sandro Brancaccio, virtuoso della chitarra, che attualmente vive in Germania dove frequenta l’Accademia Musicale di Alto Perfezionamento a Koblenz, e Fabio Savarese, il giovane ventitreenne di Castellammare, il cui brano, “Fragile”, è stato incluso nella compilation Sanremo 59 Web, uscita lo scorso 10 aprile, che contiene le 21 canzoni più meritevoli tra quelle che hanno partecipato alla competizione on line.

Intanto bisognerà attendere le 23.00 di questa sera per conoscere il nome del corto vincitore della IV Edizione.

Dopo giorni di proiezioni, workshop cinematografici, musica, spettacolo, mostre fotografiche e d’arte, la manifestazione giunge dunque al termine con una serata di gala che si prospetta ricca di emozioni.

Tante le Autorità, i personaggi del mondo cinematografico e i rappresentanti delle Istituzioni previsti per questa sera, tra i quali è certa la presenza del Sindaco di Castellammare di Stabia, Salvatore Vozza, dell’Assessore al Turismo, Termalismo e Beni Culturali Massimo De Angelis del comune stabiese e del funzionario coordinatore dell’Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo – in rappresentanza dell’Ept di Napoli – Osvaldo Conte, che hanno sostenuto e patrocinato l’evento.

Le foto sono di Pasquale Ammendola.